• 2
  • 1
  • Слайд 2

STRUTTURA OSPEDALIERA DI DUE COMPLESSI CON PARCO 25 MILA MQ ID CR 001

Italia/
0 Euro

Raffina Ricerca Per

Tipologia
Investimenti Immobiliari
Stato
Vendita
Mq Terreno
25000 m?
Distanza Dal Mare
50

Contatta Il Venditore

Descrizione Dell'Immobile

VENDITA DI UNA STRUTTURA OSPEDALIERA COMPOSTA DA DUE COMPLESSI, UNO DIRETTAMENTE SUL MARE E L'ALTRO IN UNO SPLENDIDO PARCO. LIGURIA, COSTARAINERA. IL PRIMO COMPLESSO, UNO DEI PIÙ GRANDI E FAMOSI CENTRI PER IL TRATTAMENTO DELLA TUBERCOLOSI OSSEA E POLMONARE, L'ISTITUTO DI ELIOTERAPIA GIUSEPPE BARELLAY E IL SECONDO COMPLESSO, È L'OSPEDALE SANITARIO UMBERTO NOVARO: DUE COMPLESSI ARCHITETTONICI (1930-1940), SITUATI RISPETTIVAMENTE LUNGO LA COSTA IN UN GRANDE PARCO NATURALE DELLA COSTA MEDITERRANEA. STRUTTURA COMPLETAMENTE DA RISTRUTTURARE. DESCRIZIONE: No a metà Novecento la tubercolosi mieteva ogni anno decine di migliaia di vittime nei centri urbani e nelle periferie industriali. La si combatteva con l'isolamento, l'igiene e un'alimentazione controllata, ma soprattutto con trattamenti talasso-elioterapici in strutture architettoniche appositamente studiate e immerse in un ambiente naturale con fattori climatici e ambientali ottimali, come la Riviera Ligure di Ponente. Intorno agli anni trenta, venne costruito il Complesso Ospedaliero formato dall'Istituto Elioterapico G. Barellai e dall'ex Ospedale Sanatoriale Umberto Novaro. L'Istituto fu concepito come un parco dove i pazienti trascorrevano la degenza tra salutari passeggiate fra boschetti e giardini. La zona di Costarainera fu scelta proprio come luogo ideale per la cura di molte patologie, tra cui la tubercolosi, per la quali la climatoterapia, l'elioterapia e la talassoterapia costituivano gli unici rimedi. Il complesso era dotato di un parco di circa 25 mila mq e un'azienda agricola strutturata per i degenti, dove venivano auto prodotti cereali e grano, orto-frutta e carne suina, bovina, caprina e pollame. Una autarchia legata principalmente alla tubercolosi e al suo isolamento, ma che, nel contempo, ha contribuito a far progredire la zona. L’ex Complesso Ospedaliero di Costarainera venne inaugurato nel 1934. Localizzato quasi interamente nel Comune di Costarainera. Da qualche anno giace in stato di completo abbandono. Purtroppo di quello che era un complesso moderno e funzionale non rimane quasi più nulla. L’interno è quello classico di un ospedale: corridoi lunghissimi, stanze, ampie vetrate, scalinate e ascensore centrale. Si trova ancora qualche residuo di quella che all’epoca era l’attività della struttura, ma la stragrande maggioranza delle stanze sono vuote. Grazie al progetto Jardival una porzione del parco “Giacomo Filippo Novaro”(5500 mq) è rinato da pochissimi mesi a vita nuova come un moderno parco del benessere psico-fisico aperto a tutti gli amanti della Natura e dello sport all'aria aperta. Il 2017 è stato un anno importante: il 16 settembre infatti è stato inaugurato il ‘Parco del Benessere‘. Al di là degli aspetti naturalistici e dei riferimenti al "benessere", il Parco è la testimonianza di un periodo della storia italiana difficilmente immaginabile dalle giovani generazioni attuali. l progetto di riqualificazione è stato ideato e curato dall’Università degli Studi di Genova (Dipartimento di Architettura e Design) che sotto la direzione scientifica della Prof.ssa Adriana Ghersi e, grazie alla professionalità di tecnici, esperti paesaggisti e naturopati, ha visto la creazione all’interno del parco di suggestive ‘stanze per le naturoterapie’ che ospitano specie di piante che favoriscono il benessere psico-fisico della persona e che vengono utilizzate come terapie naturali (specie medicinali, Fiori di Bach, piante per cromoterapia e aromaterapia, giardino del respiro). Attualmente stanno valutando vari progetti turistici per riavviare la zona e la struttura. Il potenziale è enorme: il clima è meraviglioso (tipico del ponente ligure), vista mozzafiato, un parco immenso, una posizione unica in riva al mare. I costi sono decisamente importanti, ma il fatto che il comune abbia trasformato nel 2013 la destinazione d’uso da sanitaria a turistico-ricettiva rende appetibile agli investitori l’intera area.


Notizie

Le nuove quote nel 2016 per coloro che desiderano lavorare in Italia

Le nuove quote nel 2016 per coloro che desiderano lavorare in Italia

2016/02/03 emesso un decreto decreto flussi 2016 Ora tutto quello che c'è una nuova opportunità di ottenere la residenza permanente in Italia

Iscriviti
Per Ricevere
Le Nuove Proposte